Existir

 

September 13, 1999

How can we describe the start of a love story?
How can we describe the irresistible attraction, the spirit's affinity which defeats every attemps of rational explanation...
How can we describe the forever engraved furrow in the depth of your heart, as the only thing which makes life worthwile to be lived.
How can we describe the entirety of the Love that our small soul is able to express, without, in some way, altering its beauty?
From here, the choice of Silence, like a unique mean to guard jealously the Holy Treasure of our own Love. To guard it from the people who don't believe in the Dream... Refusing to tell our own Dream so that nobody can steal it, or simply crumple it.

I am the only to know how much I loved you and how much I still love you. You place is there, inside me, in silence, forever. When, still young and impatient, I talked to others of this great Love of mine, everyone tried to convince me of something, of something of his own... everybody tried to steal a piece of Dream, there was also somebody who tried to hit it to break it, somebody who said it didn't exist. My heart retreated in fear, sometimes desperate; it believed really that it was not anymore worthwile to believe... In those dark moments, it often desired to sleep forever on the arms of Death, only friend still able to understand...
Time taught me that... contar um sonho è proibido.
I don't want I cannot tell it.
It is though requested from me to talk, and I will, only for a great cause: as a thanksgiving to the Author of this Music which knew how to give back the wings to this poor mad heart, full of beautiful memories and abyssal pains, full of uncried tears and of foolish laughters in the wind... It is a due thanksgiving. It is an "obrigado" in the true meaning of the word: the promise of gratefulness that is due only to whom has saved our life.

Strange is our life and everything is so moving, when we see it from afar..
I was in the bloomin of my youth when I met my Love, and it was the end of the summer, as now, almost a presage, of a flower not destined to bloom...
I found myself reflected in his eyes and it was like this for both of us.
When you meet Love, every doubt disappear.
There is neither a place for fear or for jealousy, as it is so great the certainty of what abruptly governs your actions, your thoughts, every emotion. Love makes you bloom, it gives you all the colors of the world, it makes you fly over the highest peaks... Like become a Dream, everything is possible.
But, as an ineffable and eternal law, without sufference can't be anything.
Pain put us under a trial; the ones who pass this trial will be able to live forever.
All of the great Love stories of the past, that now and forever will be able to move us, have something in common: sufference. Unsurmountable obstacles, difficulties, trials, and eventually, Death, Love's seal for the eternity...
Without Pain, real Love can't be.
It was a ray of Light, an instant of supreme joy, a brief period of happyness, a sunray among the clouds...
The most intense period of my life, simply. It lasted as long as a flower, but it was eternal. I thanks Life for having allowed me to meet Love, but most of all for having granted me the madness to be faithful to It...
I often think that I would not be talking of It in this way if It bloomed..
Strange is life, beautiful and misterious! Harrowing and moving!
Everything is so right, even what do not appear to be right...

I have found the treasure buried in the field and I have sold everything I had in order to buy that field:
The Dream, which inhabits the Sky and the Land of my heart, is my personal fragment of Eternity, and nobody will ever be able to steal or destroy it if I will not allow. They can torture me, they can make whatever they want, but they will not be able to steal my Dream. Isn't it marvelous? A great gift to be grateful of!
Each one of us, little shining souls in search for the true Light, received this gift: his own fragment of Eternity, his own Dream to guard, to keep alive, like a flame never to be estinguished....

Now I know that life is not happyness. Life is a continuous suffering, like the climbing of a mountain. The joy is to stop, from time to time, to look at the path we have already walked, and remember the happy and the terrible moments with the same sweetness.. This is the place where Joy and Sorrow embrace, finally.... And if a music like this one (As Ilhas dos Açores) was there in that moment to caress the sad soul... how great can be the feeling of gratefulness!
I could say that the music of Madredeus operates in me the great miracle of making me love passionately Life in its fundamental manifestations, eternal, and at the same time, Death, and the son, the Time passing, inesorable.
How can I define the deep moving of this moment, while the music talks for me, read into me, pulling out of me the things I have always wanted to say... Sadness and serenity, memories of the past and the desire of going on, always, always, without forgetting anything, even the most minimal breathe, every perfume every sound every minimal thing, of this immense and incomprehensible life; crying with the heart filled with joy, feeling small in front of the Mistery but, important part of all of this, how can we describe all of that, if not exactly with the words and the music of Pedro Ayres Magalhães and with the voice of Teresa Salgueiro? God bless you, beloved Madredeus, what should I say more than that? God bless you for what you did to me.

It was the end of the summer when I first listened to you. Also this time was Love. Real Love. I love since one year ago (why didn't I meet you before??) and the Love gets everyday better.
Your music, the meaning of your songs accompanies me everywhere. You have become part of me, when I drive to go working trying to choose the longest way, choosing secondary streets, sometimes in the countryside!!
Time loses importance, I look around with the eys of a girl and the joy is so great that often tears blind my sight... while I'm driving. I cannot explain such a strange phenomenon... I have always loved music, but this! It is too much!! But it is so beautiful that I do not want and I cannot keep on: I love You. That's it.
I would like that words could flow like tears to trample everything...

So, dearest Corvinus, my friend, friend of my dreams, do you understand why I have never been able to say something about this music of Madredeus? Just because the compassion it builds in me is too strong; only the tears, yes they can do it, they can express what I feel...
Tears of Love.

Maria


13 settembre 1999

Come si può descrivere l’inizio di una storia d’amore?
Quell’irresistibile attrazione, quell’affinità di spiriti che rende vano ogni tentativo di spiegazione razionale…
Quel solco che resterà per sempre inciso nel profondo del tuo cuore, come l’unica cosa per cui valga la pena vivere.
Come si può descrivere tutto l’Amore di cui è capace la nostra piccola anima, senza in qualche modo alterarne la bellezza?
Da qui, la scelta del Silenzio, come unico mezzo per custodire gelosamente il Sacro Tesoro del proprio Amore.
Custodirlo da coloro che non credono al Sogno… Non raccontare il proprio Sogno affinchè nessuno possa rubartelo, o semplicemente sgualcirlo.

Io sola so quanto ti ho amato e quanto ancora ti amo. Il tuo posto è qui, dentro di me, nel silenzio, per sempre.
Quando, ancora giovane ed impaziente, parlavo ad altri di questo mio Amore grande, ognuno cercava di convincermi di qualcosa, di qualcosa di suo… ognuno cercava di rubarmi un pezzetto di Sogno, c’era addirittura chi cercava di colpirlo per farlo a pezzi, c’era chi diceva che non esiste. Il mio cuore si ritirava impaurito, a volte disperato, credeva che davvero non valesse più la pena crederci… In quei momenti oscuri, spesso desiderava addormentarsi per sempre fra le braccia della Morte, l’unica amica che ancora riuscisse a capirlo…
Il Tempo m’insegnò che…contar um sonho è proibido.
Non voglio e non posso raccontarlo.
Tuttavia mi si chiede di parlare, e lo farò, soltanto per una grande causa: come ringraziamento all’Autore di questa Musica che ha saputo ridare le ali a questo povero cuore impazzito, pieno di ricordi bellissimi e di sofferenze abissali, pieno di lacrime non piante e di pazze risate al vento… E’ un ringraziamento dovuto. E’ un “obrigado” nel vero senso della parola: quella promessa di gratitudine che si fa soltanto a chi ti abbia salvato la vita.

Com’è strana la vita e com’è tutto così commovente, quando lo si guarda da lontano…
Ero nel fiore della mia giovinezza quando incontrai l’Amore, ed era la fine dell’estate, proprio come ora, quasi un presagio, di un fiore che non sarebbe mai potuto sbocciare…
Trovai me stessa riflessa nei suoi occhi e fu così per entrambi.
Quando incontri l’Amore, svanisce ogni dubbio.
Non c’è nemmeno posto per la paura o per la gelosia, tanta è la certezza di ciò che improvvisamente governa le tue azioni , i tuoi pensieri, ogni minima emozione. L’Amore ti fa sbocciare, ti dona tutti i colori del mondo, ti fa volare sopra le vette più alte…La vita diventa Sogno, tutto diventa possibile. Ma, pare si tratti di una legge ineffabile ed eterna, senza sofferenza non può esserci nulla. Il Dolore ci prova col fuoco; solo ciò che ha superato la prova del Dolore può vivere in eterno. Tutte le grandi storie d’Amore del passato, che ancora e per sempre sapranno commuoverci, hanno una cosa in comune: la sofferenza. Ostacoli insormontabili, difficoltà, prove, e ultima, la Morte, sigillo d’Amore per l’eternità… Senza il Dolore non può esserci vero Amore.
Fu un raggio di Luce, un attimo di gioia suprema, un breve periodo di felicità, uno squarcio di sole in mezzo alle nubi..
Il periodo più intenso della mia vita, semplicemente. Durato non più di quanto possa durare un fiore, eppure eterno. Ringrazio la Vita per avermi fatto conoscere l’Amore, ma soprattutto per avermi dato la follia di essergLi fedele…
Spesso penso che se quel fiore fosse sbocciato e poi avesse dato frutto, ora non sarei qui a parlarne così…
Com’è strana la vita, com’è bella e misteriosa e grande! Com’è tutto così straziante e commovente!
Com’è tutto così giusto, anche ciò che non lo sembra…

Ho trovato il tesoro sepolto nel campo ed ho venduto tutto quello che avevo per comprare quel campo:
Il Sogno, che abita su nel Cielo e nella Terra del mio cuore, è il mio personale frammento di Eternità, e nessuno potrà mai rubarlo o distruggerlo se io non lo permetterò. Possono torturarmi, possono fare qualunque cosa, ma non possono rubarmi il Sogno. Non è meraviglioso? Che grande dono di cui essere immensamente grati!
Ognuno di noi, piccole anime luminose alla ricerca della vera Luce, ha ricevuto questo dono: il proprio frammento di Eternità, il proprio Sogno da custodire, da tenere in vita, come una fiamma che non debba spegnersi mai…

Ora so che la vita non è felicità. La vita è un continuo soffrire, come la scalata di una montagna.
La gioia è potersi fermare, di tanto in tanto, a guardare la strada percorsa, e ricordare con dolcezza i momenti belli così come quelli terribili…ed è lì che la Gioia e il Dolore si abbracciano, finalmente……E, se in quel momento, ad accarezzare l’anima turbata c’è una musica come questa.. (As ilhas dos acores).. quanto più intenso diventa il sentimento di gratitudine!
Potrei dire che la musica dei Madredeus opera in me il grande miracolo di farmi amare appassionatamente la Vita nelle sue manifestazioni fondamentali, eterne, e nello stesso tempo, la Morte, e suo figlio, il Tempo che passa, inesorabile.
Come descrivere la profonda commozione di questo momento, mentre questa musica parla per me, mi legge dentro, mi tira fuori ciò che da sempre vorrei dire….Tristezza e serenità, ricordi del passato e desiderio comunque di andare avanti, sempre, sempre, senza dimenticare nulla, neanche il minimo respiro, ogni profumo ogni suono ogni minima cosa da nulla, di questa vita immensa e incomprensibile, piangere col cuore straripante di gioia, sentirsi piccoli di fronte al Mistero ma parte importante di tutto, come descrivere tutto questo, se non esattamente con le parole e la musica di Pedro Ayres Magalhaes e con la voce di Teresa Salgueiro? Dio vi benedica ,amati Madredeus, cos’altro potervi dire se non questo? Dio vi benedica per ciò che avete fatto a me.

Era la fine dell’estate anche quando vi ascoltai per la prima volta. Ed anche stavolta, fu Amore. Amore vero.
Vi amo da un anno (perché non vi ho conosciuti prima??) e l’Amore diventa ogni giorno più bello.
La vostra musica, il senso delle vostre canzoni mi accompagna ovunque. Siete diventati parte di me, quando guido per andare al lavoro cercando di allungare il più possibile il percorso, scegliendo strade secondarie, magari di campagna!! Il tempo perde la sua importanza, mi guardo attorno con gli occhi di una bambina e la gioia è così grande che spesso le lacrime mi annebbiano la vista…mentre guido. Non so spiegarmi un fenomeno così strano.. Ho sempre amato la musica, ma questo! È troppo!! Ma è così bello che non voglio e non posso trattenermi : Vi amo. Tutto qui.
Vorrei che le parole sgorgassero come lacrime e travolgessero tutto …

Allora, carissimo Corvinus, amico mio, amico dei miei sogni, capisci perché finora non sono mai riuscita a dire qualcosa sulla musica dei Madredeus? Perché la commozione che provoca in me è troppo forte; solo le lacrime, si quelle possono farlo, riescono ad esprimere ciò che sento…
Lacrime d’Amore.

Maria